Home News Il "paesaggio nel tempo" nella pittura di Nino Bertocchi, Ilario Rossi e le 'mappe' nell'arte di Mario Nanni

Il "paesaggio nel tempo" nella pittura di Nino Bertocchi, Ilario Rossi e le 'mappe' nell'arte di Mario Nanni

E-mail Stampa PDF

Ilario Rossi (1911-1994), Nino Bertocchi (1900-1956) e Mario Nanni (nato nel 1922). Tre importanti artisti del Novecento, con in comune il legame con l’Appennino bolognese e con il territorio di Monzuno in particolare. A loro è dedicata un’interessante mostra, dal titolo “Il paesaggio nel tempo” ospitata presso la Sala della Biblioteca comunale e la Sala Mostre Ivo Teglia del paese appenninico bolognese.

Ilario Rossi pittore Nino Bertocchi pittore Mario Nanni pittore
Ilario Rossi Nino Bertocchi Mario Nanni

Nella rilevanza e originalità di tutti e tre i pittori, per le quali demandiamo ogni approfondimento alla ricca letteratura critica e biografica esistente, vi è nell’opera di Mario Nanni un elemento, un ‘materiale’ artistico su cui si è focalizzato, quasi inevitabilmente, il nostro interesse anche in virtù delle tipologie di opere esposte in questa sede. Ci riferiamo alle ‘mappe’ e all'utilizzo che fa Mario Nanni, in due distinti periodi della sua produzione artistica, negli anni della “Geografia dell’attenzione” e in quelli più recenti, dal 2001 ad oggi, de “I giochi di metamorfosi”. Le mappe diventano per Nanni un mezzo, a volte un pretesto, per “un itinerario fantastico, ma non irreale, perché gli elementi che vi si intrecciano hanno la concretezza delle linee e dei punti di una topografia in parte già scritta nella quale il dinamismo fa soccombere qualsiasi tentativo di lettura analitica (...)"

Mario Nanni pittore
Mario Nanni pittore
Mario Nanni pittore
Mario Nanni pittore
Mario Nanni pittore

Si tratta di "(...) un mondo visto un po’ dall’alto" - quello delle opere di Nanni legate alle mappe e alla topografia - "tradotto fedelmente in linee e misure e reso più leggibile dalle cromie nettamente definite. Il territorio è miniaturizzato sulla mappa che nel percorso dell’artista finisce per perdere ogni riferimento simbolico riducendosi ad un campo aperto all’analisi sperimentale” (cit. dal catalogo della mostra).

L'esposizione, inaugurata lo scorso 7 luglio, chiuderà i battenti il prossimo 5 agosto. Opere critiche sugli autori, alcune stampe di disegni di Nanni e piccoli contenitori di legno contenenti materiale informativo sulla mostra (cartolina e piccolo catalogo) sono in vendita presso la Sala Ivo Teglia; il ricavato sarà destinato al finanziamento del recente acquisto di un antico pianoforte utilizzato per concerti ed eventi musicali presso la sala della biblioteca comunale.

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Luglio 2019 21:52